Salute

Eritemi ed eczemi: solo colpa del sole?

Una chiave psicologica per interpretare i problemi cutanei. La pelle rappresenta la personalità, il nostro modo di reagire all’ambiente e di mostrare il proprio io più segreto, mentre il sole incarna simbolicamente la figura paterna. E quando il sole colpisce la pelle…

Siamo arrivati all’inizio dell’estate: il caldo inizia a farsi sentire, anche se il bel tempo è inframmezzato da temporali e scrosci che sembrano quasi autunnali.
Facciamo dunque il punto della situazione per chi desidera prendere un po’ di tintarella estiva.
Il sole è benefico, soprattutto se non si esagera, perché permette al corpo di sintetizzare la vitamina D che rafforza le ossa.
Meglio prepararsi già quindici giorni prima dell’esposizione bevendo tutti i giorni un centrifugato di arancia e carota, bevendolo appena pronto: per ogni assunzione abbinare un’arancia a 3 carote ed un cucchiaino di curcuma in polvere la quale, secondo la medicina tradizionale cinese, protegge la pelle. Il sole va possibilmente preso al mattino fino alle 11 e dopo le 15, quando il calore solare, al massimo della sua espressione, lascia il posto agli altri raggi benefici ed abbronzanti.
Per chi si reca sulle spiagge, può approfittare del sale marino, che è un ottimo antiossidante naturale, facendo lunghi bagni o passeggiate nell’acqua anche di un’ora e lasciando il sale sulla pelle una volta usciti dall’acqua, due ottimi metodi per tonificarla e far uscire le tossine dal corpo (circa il 90% delle tossine sono accumulate nella pelle). Quindi acqua marina e sole sono un’accoppiata vincente per la nostra salute.

Il significato psicologico di eritemi ed eczemi
Tuttavia alcune persone si possono trovare in difficoltà, poiché la loro pelle manifesta una reazione, a volte anche di forte intensità, proprio a seguito dell’esposizione ai raggi solari prolungati, sotto forma di eritemi ed eczemi che creano prurito, oltre ad un antiestetico effetto visivo. Queste reazioni hanno un significato energetico? Ovvero, questi sintomi, al di là delle spiegazioni biologiche, hanno anche una lettura interiore? Certo, ogni tipo di disturbo o patologia ha una doppia lettura.
sole caldo 1Vediamone quindi il significato. Nel caso specifico, dobbiamo prendere in considerazione il sistema pelle abbinato alla luce solare. La luce naturale del sole è collegata alla relazione con il padre biologico, oppure il Padre celeste o anche l’autorità in genere, simbolicamente abbinata all’immagine paterna. Se invece, come accade in alcune famiglie, il ruolo di autorità è appannaggio della madre, allora può essere presa in considerazione la relazione con la mamma.
La difficoltà nella percezione della luce – ad esempio nei fotofobici che sono obbligati all’uso continuato di lenti scure anche in inverno – indica uno stress con una o entrambe queste figure; normalmente la più frequente è la relazione con il padre biologico che è percepito o come troppo presente, oppure come troppo assente; in ogni caso non viene percepito appieno il suo amore ed il suo sostegno, come se l’individuo si sentisse inadeguato o non meritevole. Può provare un senso di separazione dal padre stesso e dal mondo in generale, come se non si sentisse compreso.
La pelle è invece abbinata alla personalità, alla percezione della libertà, alla facilità del mostrarsi al mondo per quello che si è, ma anche ad un elevato livello di controllo messo in atto proprio quando non ci si sente liberi.
Se abbiniamo i due messaggi – luce e pelle – possiamo concludere che uno stress causato da un genitore o da un’autorità, per esempio sul lavoro, non fanno sentire libera la persona, non le permettono di esprimere e vivere appieno la propria personalità costringendola a controllarsi ed a controllare la situazione che sta vivendo.

Quali parti del corpo vengono colpite?
Ulteriori informazioni possono essere recuperate in funzione della parte del corpo coinvolta dall’eritema stesso.
Il viso. Esso rappresenta la personalità in assoluto, quindi, se viene colpita questa parte – attraverso ad esempio delle pustole che rendono meno attraenti – il segnale è che la persona di sente invasa o aggredita dal mondo circostante o da un’autorità, al punto da voler tenere lontano il mondo. Oppure potrebbe avere una tensione con un partner, da cui si sente “aggredita o invasa”.Sole caldo 3
Il petto. Se l’eczema o eritema fosse sul petto, esso rappresenta la sfera affettiva, quella occupata dal cuore. L’individuo non si sentirebbe libero in relazione alla sfera affettiva: ovvero non si sentirebbe amato dal papà o non accettato dal mondo.
Le gambe. Infine, se si presentasse sulle gambe, questa è la parte del corpo cui corrisponde la sicurezza e la relazione con la mamma, vero prototipo della sicurezza. La traduzione del sintomo sarebbe: la mamma non mi fa sentire libera/o, anzi mi crea insicurezza, soprattutto se la mamma è quella che comanda a casa. Un’altra lettura potrebbe essere: il papà – l’autorità – non mi “difende” dalla mamma; o ancora, anche il papà – o l’autorità – è fonte di insicurezza nella mia vita.
Sentirsi liberi ed adeguati sempre e comunque è un buon antidoto. La meditazione, di qualunqua natura essa sia, aiuta al superamento dei sintomi attraverso un riequilibrio generale delle energie. Insomma, potremmo dire che la parola d’ordine è… cercare di essere felici il più possibile.

di  – mercoledì 09 luglio 2014

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.